Calcolo danno tanatologico da morte per perdita parentale


Il risarcimento del danno da morte del congiunto

Il danno conseguente alla perdita della vita, a seguito di un reato, chiamato ‘danno da morte’ o ‘danno tanatologico’, fa nascere:

  • in capo ai prossimi congiunti il diritto al risarcimento del danno avuto riguardo al rapporto affettivo che lega il prossimo congiunto alla vittima (iure proprio) .
  • in capo agli eredi la trasmissibilità del credito risarcitorio della vittima, ovvero il diritto al risarcimento per trasmissibilità (iure hereditatis) ;

In entrambi i casi il risarcimento è previsto sia per Danni patrimoniali che per Danni non patrimoniali.

I danni risarcibili iure proprio: il danno non patrimoniale e il danno patrimoniale

Il danno non patrimoniale comprende:

  • il danno morale (patema d'animo, stato di angoscia transeunte o sofferenza morale prolungata);
  • il danno biologico (quando il danno morale, in persone predisposte da particolari condizioni, degenera in una alterazione psico-fisica permanente comprovata da documentazione medica);
  • il danno esistenziale o danno da perdita del rapporto parentale (in quanto l’evento estingue contemporaneamente il bene-vita della vittima ed il vincolo parentale con i congiunti di questa).

Il danno patrimoniale comprende:

  • il danno emergente, consistente in spese causate dal decesso del parente, ad es. spese funerarie, risarcito se rigorosamente provato pro quota agli eredi;
  • il danno c.d. da lucro cessante, consistente nella perdita di utilità economiche che, per legge o per solidarietà familiare, sarebbero state conferite dal soggetto scomparso.


I danni risarcibili iure hereditatis: il danno patrimoniale e il danno non patrimoniale

In conseguenza di un evento mortale si producono delle conseguenze risarcitorie direttamente nel patrimonio della vittima destinate a trasmettersi in favore degli eredi secondo le ordinarie regole della successione mortis causa.

Il danno patrimoniale: ad es. autovettura di proprietà del defunto andata distrutta nell'incidente stradale, che verrà risarcita agli eredi.

Il danno non patrimoniale che comprende:

  • Il danno biologico terminale: una lesione dell’integrità fisica per la cui risarcibilità è necessario che tra la data del fatto e quella del decesso, sia decorso un lasso di tempo sufficiente a permettere un consolidamento del danno in oggetto (24 ore o 3 giorni).
    Tale danno va determinato considerando i criteri di liquidazione propri per il calcolo della inabilità temporanea, commisurato al numero dei giorni di sopravvivenza della persona, tenendo conto che le lesioni ne hanno provocato la morte e che quindi, pur trattandosi di un danno alla salute temporaneo, è massimo nella sua entità ed intensità. (vedi tabella di riferimento)
  • Il danno morale o danno catastrofico: danno non patrimoniale conseguente alla sofferenza psichica di massima intensità, anche se di durata contenuta, patita dalla persona che, a causa delle lesioni sofferte, nel lasso di tempo compreso tra l'evento che le ha provocate e la morte, assiste alla perdita della propria vita.
    Tuttavia, affinché possa riconoscersi tale pregiudizio morale, è richiesta la prova che la vittima sia stata in condizione di percepire il proprio stato, lucidamente assistendo allo spegnersi della propria vita (escludendosi in presenza di stato di coma subitaneo all’evento lesivo).


TABELLA DEL DANNO NON PATRIMONIALE PER LA MORTE DEL CONGIUNTO

(secondo la vigente tabella del Tribunale di Milano)

Chi può chiedere il risarcimento del danno da morte del congiunto?

  1. la famiglia legittima: ovvero il coniuge, i figli (anche in tenera età), i genitori, i fratelli e le sorelle: in breve, tutti i componenti della cosiddetta famiglia nucleare, per i quali appare irrilevante anche la cessazione della convivenza. La legittimazione può essere riconosciuta anche agli altri parenti ed affini (nonni, nipoti, zii, cugini, cognati, ecc.), in presenza di ulteriori circostanze (da dimostrare) atte a far ritenere che la lesione della vita o della salute del familiare abbia comportato la perdita di un effettivo e valido sostegno morale ovvero una grave alterazione della normale esistenza.
  2. la famiglia naturale (i conviventi): a condizione che si dimostri l'esistenza di uno stabile e duraturo legame affettivo.


La concreta quantificazione economica del risarcimento viene proporzionata tenendo in considerazione i seguenti fattori:

  • età della vittima e del parente;
  • eventuale convivenza della vittima con il congiunto;
  • eventuale esistenza in vita di altri familiari dello stesso grado di parentela della vittima.

TABELLA PER LA LIQUIDAZIONE (solo agli eredi) DEL DANNO TERMINALE – (GIORNI DI SOPRAVVIVENZA)

(secondo la vigente tabella del Tribunale di Milano - tabella 2016)

TRIBUNALE DI MILANO – LIQUIDAZIONE DEL DANNO TERMINALE – TABELLE 2016

Danno non patrimoniale terminale, comprensivo della componente biologica temporanea: valori standard di liquidazione e percentuali massime di personalizzazione
Giorni Importo tot.
Fino a 3 Fino a 30.000
Giorni Oltre

Importi giornalieri

Aumento personalizzato(massimo sconvolgimento)
4
1.000,00 28
774,00 52
549,00 76
323,00
5
991,00 29
765,00 53
539,00 77
314,00
6
981,00 30
756,00 54
530,00 78
304,00
7
972,00 31
746,00 55
521,00 79
295,00
8
962,00 32
737,00 56
511,00 80
286,00
9
953,00 33
727,00 57
502,00 81
276,00
10
944,00 34
718,00 58
492,00 82
267,00
11
934,00 35
709,00 59
483,00 83
257,00
12
925,00 36
699,00 60
474,00 84
248,00
13
915,00 37
690,00 61
464,00 85
23 9,00
14
906,00 38
680,00 62
455,00 86
229,00
15
897,00 39
671,00 63
445,00 87
220,00
16
887,00 40
662,00 64
436,00 88
210,00
17
878,00 41
652,00 65
427,00 89
201,00
18
868,00 42
643,00 66
417,00 90
192,00
19
859,00 43
633,00 67
408,00 91
182,00
20
850,00 44
624,00 68
398,00 92
173,00
21
840,00 45
615,00 69
389,00 93
163,00
22
831,00 46
605,00 70
380,00 94
154,00
23 821,00 47
596,00 71 370,00 95
145,00
24
812,00 48
586,00 72
361,00 96
135,00
25
803,00 49
577,00 73
351,00 97
126,00
26
793,00 50
568,00 74
342,00 98
116,00
27
784,00 51
558,00 75
333,00 99
107,00
100
98,00 Max + 50%


CALCOLO AUTOMATICO DEL RISARCMENTO

Compila i campi del seguente modulo e clicca sul pulsante “Calcola”

Calcolo
Personalizzato


Richiedi

Legal Insurance
Risponde


Consulta le FAQ

PERCHÈ SCEGLIERE LEGAL INSURANCE?

Recensioni

  • A distanza di poco più di un anno, a conclusione dell'intera vicenda, voglio consigliare a tutti lo Studio Legal Insurance per la competenza e la professionalità con cui ha gestito il mio caso.
    — Antonio
  • Il Dott. Sabatino Quatraccioni è una persona splendida e preparatissima, nonchè disponibile nei confronti dei suoi clienti.
    — Marco

Newsletter