RISARCIMENTO PER LA PERDITA DI UN FAMILIARE
Il risarcimento del danno che spetta ai parenti nel caso di morte di un congiunto è sempre oggetto di dibattito, specie per quanto attiene ai criteri di riferimento di cui il giudice deve tenere conto per la quantificazione del relativo indennizzo.

Uno dei fattori di cui il giudice deve tenere conto nel concedere o meno il risarcimento è costituito proprio dal grado di parentela esistente tra il superstite e la vittima; si presume, infatti, che il danno per la perdita del congiunto sarà tanto maggiore quanto più forte sia il legame di parentela esistente tra le parti.Gli altri elementi di cui il giudice deve tenere conto, per valutare se accogliere la richiesta risarcitoria sono : la forza del vincolo affettivo; lla convivenza delle parti; la composizione più o meno ampia del nucleo familiare e le abitudini di vita.

Inoltre, il risarcimento del danno non patrimoniale della perdita di un familiare, ha carattere personale e non può essere calcolato in maniera uguale per tutti i parenti della vittima (personalizzazione del danno).

Infatti, nel caso in cui il fatto abbia portato alla perdita definitiva del rapporto coniugale e genitoriale, il giudice, nello stabilire la misura del risarcimento a ciascuno dei familiari superstiti, dovrà tenere conto della durata e della intensità del vissuto di ciascun familiare superstite con la vittima; della composizione del nucleo familiare restante che può, in sostituzione della vittima, prestare assistenza morale e materiale agli altri parenti, avuto riguardo sia degli anni del defunto che a quella dei familiari danneggiati; della personalità individuale di ciascun membro della famiglia; della capacità di ciascuno di reagire e sopportare il trauma; in questo caso il coniuge superstite, sia per quanto riguarda il dolore emotivo, sia per quanto concerne la perdita del genitore nella cura e nella educazione dei figli; delle conseguenze sui figli della sofferenza causata al genitore superstite e di ogni altra circostanza relativa al caso concreto, paga un prezzo altissimo.

Ciascun danneggiato è titolare di un autonomo diritto al risarcimento di tutto il danno, morale, cioè la sofferenza interiore soggettiva ed emotiva che si avverte sia nel momento in cui si verifica il fatto, sia dopo, con le sue ricadute, pur se non per tutta la vita, ed esistenziale, cioè il peggioramento delle condizioni e abitudini di vita quotidiana. Tale risarcimento deve essere misurato in modo diverso per ciascun familiare della vittima, in base alle variabili.

Di seguito si riporta tabella del danno non patrimoniale per la morte del congiunto (secondo la vigente tabella del tribunale di Milano).
RAPPORTO DI PARENTELA VALORE MINIMO VALORE MASSIMO VALORE MEDIO
Per ogni genitore Da 163.990,00 Da 327.990,00 Da 245.990,00
Per ogni figlio Da 163.990,00 Da 327.990,00 Da 245.990,00
Per il coniuge o convivente Da 163.990,00 Da 327.990,00 Da 245.990,00
Per ogni fratello Da 23.740,00 Da 142.420,00 Da 83.080,00
Per ogni nonno Da 23.740,00 Da 142.420,00 Da 83.080,00

Novità inserita il 21 Gennaio 2018



SCOPRI LE ALTRE NOVITA'
AGENZIA ONLINE
APRI UNA PRATICA

PERCHÈ SCEGLIERE LEGAL INSURANCE?

Recensioni

  • A distanza di poco più di un anno, a conclusione dell'intera vicenda, voglio consigliare a tutti lo Studio Legal Insurance per la competenza e la professionalità con cui ha gestito il mio caso.
    — Antonio
  • Il Dott. Sabatino Quatraccioni è una persona splendida e preparatissima, nonchè disponibile nei confronti dei suoi clienti.
    — Marco

Newsletter